casa MV

___

Casa MV è come uno scrigno della memoria recuperato direttamente dal passato, giunto fino a noi restando immutato nel tempo con il suo linguaggio e i suoi elementi tradizionali: la pietra con cui sono fatte le murature, il legno del tetto, del loggiato e dei portoni, i contorni e le inferriate alle finestre, il lastricato in pietre locali del cortile, il tutto conservato a testimonianza di quel racconto. L’obiettivo del progetto è mantenere la struttura originaria a corte, unendo le funzionalità contemporanee e i nuovi percorsi, in modo tale che una volta attraversato il portone d’ingresso, entrando nel cortile, si abbia la sensazione di entrare in un mondo diverso, in cui echeggiano i ricordi del passato.

Il progetto nasce dalla volontà di costruire un ambiente riparato e protetto, che permetta ai propri abitanti di ritrovarsi e sentire quel senso di appartenenza che solo a casa propria si può sentire: l’edificio è come un guscio di noce, chiuso ed ermetico verso nord, ma aperto sul panorama naturale verso sud. Questa conformazione permette di proteggere l’edificio dai vari agenti atmosferici nel corso di tutto l’anno: la chiusura verso nord ripara dal vento freddo dell’inverno, mentre l’aperura verso sud lascia filtrare il sole e la brezza estiva, con possibilità di riparo all’ombra del portico e della loggia. Tradizione e innovazione si mescolano, mentre la componente naturale entra all’interno dell’abitazione, utilizzando il legno che amplifica le superfici salubri capaci di attivare il benessere e ridurre gli agenti nocivi.

Il progetto è attualmente in corso.

chiesa MB

___

Lo studio del colore per la Chiesa dedicata a Maria Bambina non si limita a proporre una tinteggiatura banale, in quanto la natura del luogo richiede un’attenzione particolare. Entrando nella chiesetta ci si trova spesso circondati da decine di veli bianchi chini, i cui pensieri sembrano riecheggiare nell’ambiente: la Chiesa è come una grande scatola, severa, ordinata, piena di pensieri e preghiere che salgono al cielo, come grandi bolle.

L’intervento per la sagrestia prevede di abbassare visivamente i soffitti, molto alti e poco belli, utilizzando il blu oltremarino, un colore prezioso ottenuto originariamente con il lapislazzulo ed utilizzato tradizionalmente per gli elementi particolarmente importanti, come il manto di Maria.

La proposta progettuale per la Chiesa è quella di renderla visivamente “più morbida e femminile”, accentuando l’elemento sacro e prezioso, trovando un modo semplice e pulito per rappresentare i pensieri e le preghiere che salgono, mentre ciò che ci viene dato dall’alto scende verso di noi: pochi tocchi di blu e oro uniti a molto bianco-avorio, non distolgono l’attenzione dalle opere presenti, ma illuminano e riscaldano visivamente lo spazio.

centro sportivo comunale

___

La proposta progettuale per la nuova immagine del Centro Sportivo Comunale di Castione della Presolana prevede la realizzazione di una grafica a pavimento e in facciata.

La superficie del parcheggio ripropone i colori e le linee sinuose tipiche delle piste di atletica, guidando visivamente gli utenti verso l’ingresso alla struttura. Allo stesso modo la facciata riporta in verticale le stesse tinte bordeaux delle pavimentazioni sportive, a cui si aggiungono le sagome in bianco di atleti nell’atto di compiere varie specialità. A completare la composizione l’insegna sopra l’ingresso con il logo del Comune e il motto del Centro: Citius! Altius! Fortius!

la casa sull’albero

___

La Casa sull’Albero è un piccolo riparo di montagna, in cui si è scelto di affidare a materiali naturali e grezzi la descrizione degli spazi, funzionali, caldi e flessibili nell’utilizzo. Legno, pietra e metallo plasmano gli ambienti interni, narrandoli attraverso un racconto dagli accenti rustici e tradizionali, ma dal retrogusto contemporaneo. Il progetto è attualmente in corso.

+1.000 mt – racconti dal bosco

___

Con la ripresa delle lezioni, due nuovi componenti d'arredo della linea +1.000 mt firmata bellinelliarchitetti entrano a far parte della Bilingual British School di Scanzorosciate (BG).

+1.000 mt è pensato per avvicinarsi agli spazi dei bambini con forme rassicuranti, leggibili e riconoscibili, e li accompagna nella vita, trasmettendo loro i principi e i benefici di salubrità, biocompatibilità e benessere indoor: vivendo in un ambiente salubre, i bambini ne godono gli effetti, imparano ad apprezzarli ed una volta adulti non potranno che richiedere ambienti salubri, generando un moto virtuoso.

+1.000 mt è un prodotto completamente personalizzabile nelle combinazioni, nei materiali e nelle finiture, per questo non è presente un catalogo e non viene tenuto un campionario. Le infinite possibili combinazioni si possono suddividere in quattro possibili soluzioni: da appoggio, da parete, da soffitto, da piantana. Potete contattarci ed esporci le vostre esigenze: in brevissimo tempo vi forniremo una quotazione senza alcun impegno, oltre alla possibilità di vedere, toccare ed annusare i materiali … per poter scegliere il vostro racconto.

ph © Giuseppe Bellinelli e Studio Fotografico Sala
realizzazione a cura di VALSERIANA CUCINE | www.valserianacucine.com

piscina VE

___

Uno specchio d'acqua circondato dalla vegetazione completa la ristrutturazione di una villa sui Colli Marittimi Pisani firmata da bellinelliarchitetti.

bellinelliarchitetti.it è online

bellinelliarchitetti è online

___

Oggi BELLINELLIARCHITETTI presenta il suo nuovo sito web, rinnovato nella grafica, nei contenuti e con tanti nuovi progetti: una rinnovata home page e una nuova pagina dedicata a tutti i progetti realizzati suddivisi per categoria, la nuova sezione che presenta i servizi aggiuntivi firmati da A+PARTNERS e anche una rinnovata sezione notizie dove verranno pubblicate tutte le novità e i progetti in corso.

Non vediamo l’ora di sapere cosa ne pensate!

fiorme | fiemme 3000

___

Il prossimo 15 luglio bellinelliarchitetti con il suo progetto FIORME ideato per Disegno Dilegno sarà premiato insieme agli altri 10 finalisti del concorso di design indetto da FIEMME 3000.

La casa è il luogo delle emozioni, degli affetti, dei momenti più importanti che il tempo ti regala. Per questo FIORME, riprendendo la struttura di una casetta in legno pregiato, raccoglierà storie e oggetti di piccoli e grandi. Salubrità, biocompatibilità e benessere indoor sono le parole d’ordine per un arredamento a misura di bambino.

da giorgio | ardesio

da giorgio - ristorante albergo ardesio: progetto d'interior e design per un nuovo locale adibito a caffè e ristorante ad Ardesio

___

Il prossimo 7 aprile DA GIORGIO | ARDESIO inaugura bar e ristorante al piano terra, completamente rinnovati da bellinelliarchitetti.

Le peculiarità del luogo in cui sorge l’albergo, tra cui colori, materiali e paesaggi, penetrano all’interno degli ambienti. In questo modo lo spazio racconta una storia, la storia del luogo, che di riflesso è anche la storia dell’albergo, essendo esso stesso parte dello medesimo racconto. Crediamo che uno dei modi migliori per accogliere qualcuno nella propria casa, sia trasmettergli qualcosa di noi. Quando raccontiamo di noi, l’incontro diventa un interessante scambio, al termine del quale ognuno va via portandosi con sé qualcosa. L’idea di progetto si basa sull’accoglienza come pretesto per narrare la storia di questo luogo, attraverso materiali, immagini e forme, che rendono unico lo spazio e ne aumentano l’esperienza complessiva, che può scaturire dal soggiorno in albergo, dal pranzo al ristorante o dalla degustazione di un salume al bar.

puzzle park | un parco pubblico per tutti

___

Puzzle park è la storia di un progetto ambizioso, che si pone come traguardo quello di realizzare un parco che possa essere elemento qualificante per la collettività, basato sulle effettive necessità della popolazione e del luogo: per raggiungere gli obbiettivi preposti si è prestata particolare attenzione nello studio di connettività e percorsi, pedonali e carrabili, nell’analisi dei comportamenti dei nuovi utenti dell’area, nel rilievo di conformazioni e caratteristiche del sito di intervento, negli aspetti percettivi degli scorci panoramici, nei collegamenti al sistema parchi esistenti del territorio nonché al rispetto degli elementi naturalistici tipici del contesto.

Progettare e realizzare un parco, non significa solo dare funzione a uno spazio lasciato vuoto, ma rappresenta l’occasione per migliorare la qualità dei luoghi e favorire un miglior inserimento nel contesto del futuro intervento di edilizia residenziale da realizzare nel medesimo comparto: quindi non due interventi slegati, che non dialogano tra loro, ma parti sinergiche di un unico organismo. Le opere nel loro complesso dovranno rispondere alle contemporanee esigenze di qualità: nuovi bisogni delle famiglie, rapporto con natura, apertura verso l’esterno, collegamento ai servizi, comfort e funzionalità.

La trasformazione di un’area così vitale rappresenta l’opportunità di inserire il tassello mancante all’interno della trama urbana, che attualmente risulta incompleta e strappata, con la volontà di ri-consegnare al territorio un’importante porzione di tessuto riqualificato. Dal punto di vista concettuale e progettuale si è voluto dare permeabilità all’area e ri-aprire il suo spazio chiuso, sfruttando i punti di forza unici e peculiari del sito (viste panoramiche, vegetazione), tra cui la conformazione sinuosa del terreno.

La politica dell’intervento è di essere sostenibile dal punto di vista ambientale, economico e sociale: per far questo si sono previsti diversi espedienti come la modifica morfologica dell’area solo dove necessaria (minimizzare scavi e stravolgimenti del paesaggio), il riciclo programmato delle risorse del posto (movimenti terra, pietre, essenze) unito alla riduzione dell’impiego di risorse materiali non rinnovabili, oltre al principio di massima manutenibilità, durabilità e sostituibilità di materiali e componenti.

Materiali e soluzioni tenderanno a minimizzare l'impatto ambientale mediante sistemi eco e bio-compatibili, per lo smaltimento delle acque piovane, per il miglioramento della permeabilità delle superfici calpestabili, per un assetto viabilistico migliorato e per una ottimizzazione della struttura impiantistica, al fine di ottimizzare la compatibilità con le caratteristiche del contesto territoriale e ambientale, sia in fase di costruzione sia di gestione.

In ultimo, non certo per importanza, si è scelto di garantire e promuovere la massima accessibilità all’area, con lo scopo di realizzare un parco per tutti.