prepariamoci a vivere in un mondo con meno risorse, meno energia, meno abbondanza… e forse più felicità

book review: Luca Mercalli, Prepariamoci a vivere in un modo con meno risorse, meno energia, meno abbondanza... e forse più felicità. Un piano per salvarci

___

Mai tante crisi tutte insieme: clima, ambiente, energia, risorse naturali, cibo, rifiuti, economia. Come fare? Ci vuole una nuova intelligenza collettiva. L’autore racconta il suo percorso verso la resilienza, ovvero la capacità di affrontare serenamente un futuro più incerto, e indica il programma politico che voterebbe. Il cambiamento deve partire dalle nostre case (più coibentate), dalle nostre abitudini, più sane ed economiche (dal consumo d’acqua ai trasporti, dai rifiuti alle energie rinnovabili, dall’orto all’impegno civile).

Un libro intelligente, che ci mostra come la crisi economica ci obblighi ad usare meglio ciò che abbiamo. Da tempo il nostro studio sta svolgendo ricerche per un abitare sostenibile dal punto di vista economico, sociale e ambientale, in linea con quanto sostenuto dalle ricerche internazionali e dall’andamento economico del mercato, che vedono questo modo di concepire l’abitare e il costruire come la via obbligata per affrontare la crisi economica. Chi l’ha detto ad esempio che l’abitazione è solo una spesa? Se la guardassimo in modo un più acuto e lungimirante, vedremmo che esistono strumenti per ottimizzare i costi, ridurre i consumi r diminuire le spese di gestione della nostra casa: se non considerassimo l’abitazione come un oggetto estraneo a noi, lontano, difficile da capire e da controllare, ci accorgeremmo che può essere uno “strumento” al nostro servizio. Uno strumento in grado di mantenere il valore di mercato di domani, in grado di fornirci delle occasioni per una micro-imprenditorialità, per lavorare da casa, per accogliere un anziano che vuole la sua indipendenza, per un giovane che non riesce ad “uscire di casa”.
Abitazione come strumento in grado di accompagnarci nella vita e farci vivere meglio.

atmosfere

book review: Peter Zumthor, Atmosfere. Ambienti architettonici. Le cose che ci circondano

___

Ci piace quest’architettura della memoria, dell’impiego preciso e poetico dei materiali, della concretezza, del corpo, delle stagioni, dell’inaspettato, dell’emozione, dell’odore, del cielo, dell’azione, della corrispondenza tra forma e significato, dove una molteplicità di piccole e piccolissime cose danno all’insieme un senso.

“Che cosa mi ha emozionato questa volta? Tutto: le cose, la gente, l’aria, i rumori, i suoni, i colori, alcune presenze materiali, le strutture, le forme. […]. L’architettura è fatta per essere vissuta, per essere utilizzata. […]. Non si lavora sulla forma ma su tutti gli altri aspetti: il suono, i rumori, i materiali, la composizione, l’anatomia, …Quarto: la temperatura dello spazio. Sto ancora cercando di elencare le cose che per me sono importanti nel creare un’atmosfera. […] mi sembra ancora di sentire nella mano la maniglia della porta, quella porzione di metallo configurata a cucchiaio. La stringevo quando entravo nel giardino di mia zia. Mi ricordo il rumore della ghiaia sotto i miei piedi, la lucentezza moderata del legno di quercia lucidato delle scale […] i selciati ricoperti di foglie di castagno in autunno e tante porte che si rinserravano in modo così diverso.”
[cit. Peter Zumthor]

il dizionario dei colori

book review: Simona Fantetti e Claudia Petracchi, Il Dizionario dei Colori

___

Quanti colori codificati: lilla polvere, fiore di pesco, verde limone, ciclamino, verde smeraldo, lavanda scuro, rosa di parma, zafferano, rosso fragola, lampone, verde veronese, rosso rubino, verde muschio, verde pavone, violetto di cobalto, verde mela, blu reale, oro, giallo cadmio, vinaccia, verde bottiglia, blu di Prussia, nebbia, sabbia chiaro, cannella, verde oliva, senape, ruggine, azzurro-viola, cipria, avorio, verde perla, lacca solferino, malva opaco, cammello, terracotta, bronzo, tabacco, rosso granata, grigio petrolio, grigio piombo, …

... e quanti colori ancora da creare: nero legno bruciato, bianco neve, blu cielo di montagna, verde temporale, rosso trottola, marroncino del mio vecchio cane, viola calze di cashmere, nero ciliegie, arancione cachi mai pronti, verde siepe di casa, lillaviola dell’amata di Chagall, grigiomarrone sabbia del sudafrica, bianco nuvola, marronelucido capelli, grigio tegola di quella cascina là, nero scarpe strette di Dalì, arancione montagna illuminata, beige pelle di Magritte, grigio ragno del cancello, verde viso del violinista di Chagall, …

il piccolo libro degli istanti perfetti

book review: Philippe Delerm, Il Piccolo Libro degli Istanti Perfetti

___

I colori e gli istanti di questo libro dovrebbero essere spremuti nelle nostre case.
“Ha il sapore intenso, leggero, di una manciata di ciliegie nere” [cit. Philippe Delerm]

La glassa che ci riporta il sapore dell’infanzia, il calore di un bicchiere di caffè condiviso con gli amici, che scioglie il gelo dell’anima, i giochi di luce sull’acqua davanti a un antico lavatoio, il gusto intenso di una manciata di ciliegie nere, la musica segreta di un campo veneziano… “Il piccolo libro degli istanti perfetti” raccoglie, come in un album di immagini pittoriche, la memoria e il gusto di momenti strappati alla vita di tutti i giorni ma sublimati dalla pennellata lieve e inimitabile di Philippe Delerm.

architettura parassita

book review: Sara Marini, Architettura Parassita

___

L’emanazione in diversi paesi europei di norme che sanciscono limiti alla nuova edificazione e incentivano la trasformazione dell’esistente ha innescato (…) la ricerca di strategie di riciclaggio degli spazi (…) che vede l’immissione di organismi architettonici in edifici e strutture urbane preesistenti. L’organismo parassita risulta distinto, linguisticamente e spazialmente, dall’ospite ma legato a questo da uno stato di necessità (di suolo, di impianti, di significato).
[cit. Sara Marini]

mi sento a casa

press: pubblicazione del progetto CASA IP sulla rivista di settore A.CASA

___

Un progetto di ristrutturazione presentato in modo simpatico, decisamente originale, dove i vari passaggi dell’intervento divengono ingredienti di qualità che, ben amalgamati tra loro, danno vita ad una ricetta così ben riuscita da essere annotata nel taccuino di cucina e gelosamente conservata. Per sentirsi a casa.
Pubblicazioni: “A.CASA” (dicembre 2011).

una casa per te

book review: Emina Cevro Vukovic e Carin Scheve, Una casa per te. Arredare con la testa e con il cuore

___

“La climatizzazione ha cambiato la percezione delle stagioni all’interno della casa. Eppure può essere bello ritrovare i piccoli riti legati al clima, i cambiamenti di colore, i profumi. (…) i luoghi della casa a crescita spontanea legati alla ricchezza del semplice quotidiano e strenui oppositori della cultura materiale dell’usa e getta, stanno scomparendo. Sempre più spesso mancano nelle nostre abitazioni mancano il baule (uno scrigno magico) e la soffitta (…) varcando la soglia di quell’ambiente misterioso cominciamo a vagare confusamente nel tempo, il percorso che compiamo tra anticaglie nel sottotetto diventa un cammino mentale.
[cit. Emina Cevro Vukovic & Carin Sheve]

specie di spazi

book review: Georges Perec, Specie di spazi

___

Lo spazio è un dubbio, è il dubbio dei luoghi che non esistono più. Occorre fermarli, conquistarli, trattenerli. Occorre scrivere, perché scrivere significa cercare meticolosamente di trattenere qualcosa. Ho cominciato da parecchi anni a fare l’inventario di tutti i luoghi dove ho dormito. Mi piace restare steso sul mio letto e guardare placidamente il soffitto. Ma nessuno si interessa più ai soffitti. Specie di spazi appartiene tutto alla sfera di questo tentativo, operato attraverso l’inventario dei diversi tipi di spazi: dal piccolo al grande, dal vicino al lontano, dal concreto all’astratto.
[cit. George Perec]

la grammatica dei sapori

book review: Niki Segnit, La Grammatica dei Sapori e delle loro infinite combinazioni

___

Il rosmarino ha sentori di eucalipto simili a quelli della salvia, sebbene contenga più note di pino e fiori e sia più dolce. Le varietà sono numerose, alcune a portamento eretto, altre prostrato. Tra quelle particolarmente consigliate per il sapore sono Tuscan Blue, con aroma delicato di pino e limone, Spice Island, con accenni di chiodi di garofano e noce moscata, Sissinghurst Blue, con un particolare sentore di fumo che sembra chiedere di essere gettato sul barbecue. Il rosmarino ha un ottimo sapore anche quando è essiccato ma assume il classico gusto di fieno che hanno tutte le erbe aromatiche secche, perdendo la complessità del fresco. Partner classico per agnello e formaggio di capra, garantisce anche alcuni accostamenti eccellenti con dolci di cioccolato, arancia o limone.
[cit. Niki Segnit]

architettura e felicità

book review: Alain de Botton, Architettura e Felicità

___

Il concetto gli edifici che parlano ci aiuta a porre al centro dei nostri dubbi architettonici il problema dei valori in base ai quali vogliamo vivere la vita, e non solo quello dell’aspetto estetico delle cose. John Ruskin suggerì di cercare due cose nei nostri edifici: che ci diano riparo e che ci parlino - ci parlino di tutto ciò che noi riteniamo importante e vogliamo ricordare.
[cit. Alain del Botton]